leonor ortega - vida fertility

Leonor Ortega: l’esperta in Riproduzione Assistita che realizzerà i tuoi sogni di diventare mamma

Leonor Ortega López, direttrice del laboratorio di Vida Fertility, è una grande professionista nel campo della Riproduzione Assistita. Con una formazione in Scienze Biologiche presso l’Università di Valencia e un Master in Riproduzione Umana presso la Società Spagnola di Fertilità e l’Università Complutense di Madrid, Leo ha acquisito una profonda conoscenza della fertilità e dell’embriologia.

Con una carriera di successo presso rinomate cliniche di riproduzione assistita, Leonor ha lasciato il segno nel campo dell’embriologia. È stata responsabile del laboratorio di andrologia e direttrice di laboratorio presso rinomate cliniche di fertilità, diventando direttrice del laboratorio di Vida Fertility dal 2022. La sua competenza e eccellenza nel campo della riproduzione assistita sono state riconosciute con la certificazione di embriologa clinica da parte di ASEBIR nel 2015.

Leo, perché hai scelto di specializzarti in Riproduzione Assistita?

Racconto sempre questa storia come un’aneddoto perché non avevo mai considerato di lavorare nella riproduzione assistita. La riproduzione assistita è entrata nella mia vita grazie al mio compagno, che poi è diventato mio marito. Lui era un embriologo e si è trasferito a Madrid, e come si dice da noi “dove va la corda, va il secchio”, così mi sono trasferita a Madrid dove ho iniziato a lavorare nel dipartimento di genetica dell’Università Complutense con gli spermatozoi e da lì ho fatto il salto alla riproduzione…

In realtà, la riproduzione assistita è arrivata nella mia vita per amore, ed è per questo che la rende ancora più bella e speciale.

È come ti aspettavi lavorare nel laboratorio di Riproduzione Assistita?

Credo che all’inizio tutto ti colpisca, è incredibile il lavoro che facciamo, quanto sia piccolo tutto e come siamo in grado di lavorare in modo così meticoloso e delicato e di creare vita! Creiamo vita ogni giorno e spesso lo normalizziamo, ma è fantastico!

Ma se c’è qualcosa di cui non mi stanco di osservare è l’evoluzione embrionale, non ho idea di quante volte abbia guardato video di embrioni in sviluppo in tutti questi anni, ma ogni volta che ne guardo uno rimango affascinata.

Leonor Ortega, Come è progredita la Medicina Riproduttiva da quando hai iniziato a lavorare?

Molto, ho avuto la fortuna di lavorare in cliniche, soprattutto nella prima in cui ho trascorso molti anni, dove c’è stata un’evoluzione costante delle tecniche, un costante adattamento alle novità che vengono fuori, cambiamenti nei supporti per la vitrificazione embrionaria, cambiamenti nei mezzi di coltura, nuove tecniche di selezione dello sperma…

Sebbene i concetti di base siano gli stessi, ci sono molti fattori che stanno evolvendo attorno ad essi e che possono influire sul risultato di un ciclo, di un trattamento, piccoli dettagli che possono migliorare il risultato.

Come dico sempre, ci sono due tipi di persone, o di embriologi, quelli che dicono “se funziona, perché cambiarlo?” e quelli che si prendono dei rischi e provano nuove cose.

Cosa ti sorprende di più nel tuo lavoro di specialista in fertilità?

Penso che il laboratorio sia il cuore di una clinica di riproduzione, è lì che nasce la vita e, ovviamente, per me è uno dei luoghi più magici di un centro.

È anche il più rigoroso e protocolloso, e sì, mi dispiace per quella sensazione che i pazienti hanno di non vederci o di non darci importanza a volte.

Ciò che mi piace di più, ovviamente, sono i test di gravidanza positivi e le ecografie con battito cardiaco. Mi piace accompagnare il paziente, rispondere alle sue domande, mi piace vedere gli embrioni in sviluppo e provare la sensazione che… andrà bene.

Cosa possiamo aspettarci dal futuro della riproduzione assistita? Leonor Ortega

Dico sempre che il futuro nella riproduzione assistita è oggi.

Nel laboratorio di fertilità è un futuro in continua evoluzione. A breve termine, l’intelligenza artificiale viene già utilizzata in alcune cliniche per la selezione embrionale, ed è vero che “la macchina” sarà in grado di vedere cose impercettibili per l’occhio umano, e credo che l’esperienza dell’embriologo insieme ai computer di routine possa formare un buon tandem.

Quale consiglio daresti a pazienti che stanno iniziando il loro percorso di fertilità?

Di non arrendersi, perché il cammino è difficile e ogni gradino della grande scala che abbiamo di fronte è una piccola vittoria. Che ascoltino il proprio specialista e che abbiano fiducia nel personale del centro in cui si trovano. Oggi ci sono tendenze e opinioni su tutto, e la riproduzione, ovviamente, ne fa parte.

Se un paziente decide di rimanere in un centro, che sia Vida Fertility o un altro, deve avere fiducia. Se non c’è fiducia, questo processo diventa ancora più tedioso, e se ciò che viene offerto non li convince, dovrebbero cambiare centro. Non sono soli, siamo qui per aiutarli e per rendere il percorso più agevole.

 

Ora che conosci la nostra Leo, vogliamo dirti che la sua passione nel aiutare le coppie a realizzare il sogno di formare una famiglia la spinge a offrire un’assistenza personalizzata e un sostegno costante. Il suo ruolo di leadership in Vida Fertility garantisce che troverai l’esperienza e l’impegno necessari per guidarti nel tuo percorso verso la maternità o la paternità.

Contattaci e lascia che ti aiutiamo a realizzare i tuoi sogni!