Aborto Spontaneo: Cause e Possibilità di Avere un Bambino

infertilità

Gli aborti spontanei, una perdita naturale della gravidanza prima della 20ª settimana, sono esperienze strazianti ma comuni, che influenzano un numero considerevole di gravidanze. Se stai cercando risposte dopo un aborto spontaneo, non sei sola. La Dottoressa Katharina Spies spiega cosa sono, le loro cause, sintomi, trattamenti e le emozioni associate per offrire un adeguato supporto a chi li attraversa.

aborto spontaneo

Cos’è un Aborto Spontaneo?

Un aborto spontaneo si riferisce alla perdita spontanea di un feto prima della 20ª settimana di gravidanza, occorrendo maggiormente nel primo trimestre.

Anche se è un evento emotivamente difficile, è importante ricordare che non è raro.

Circa il 10-20% delle gravidanze confermate terminano con un aborto spontaneo, anche se il numero potrebbe essere maggiore poiché molti avvengono prima che la donna sappia di essere incinta.

Quali sono le Cause di un Aborto Spontaneo?

Gli aborti spontanei sono spesso il risultato di problemi cromosomici che impediscono il normale sviluppo del bambino. Tuttavia, ci sono anche altre cause comuni di aborti spontanei:

  • Cause fetali: fallimenti cromosomici impediscono il corretto sviluppo dell’embrione.
  • Cause materne: alterazioni nella cavità uterina, infezioni o malattie endocrine come il diabete o la celiachia possono essere cause di aborti spontanei.
aborto spontaneo

Cause materne che possono portare ad aborti spontanei.

  • Problemi ormonali: gli squilibri ormonali possono influire sulla capacità dell’utero di sostenere una gravidanza.
  • Malattie croniche: condizioni come diabete incontrollato o problemi alla tiroide.
  • Infezioni: Alcune infezioni possono aumentare il rischio.
  • Problemi uterini o cervicali: anomalie dell’utero o problemi alla cervice possono portare all’aborto.
  • Stile di vita: fattori come il fumo, il consumo eccessivo di alcol e l’uso di droghe illecite.
  • Età materna: l’età materna, soprattutto dopo i 35 anni, può aumentare il rischio di aborto spontaneo.

Come ridurre il rischio di avere un aborto spontaneo

La migliore prevenzione è la cura prenatale precoce e completa. È anche fondamentale evitare fattori di rischio e assicurare uno stato di salute ottimale prima del concepimento.

Anche se molte cause degli aborti spontanei sono fuori dal controllo della donna, ci sono passi che si possono intraprendere per ridurne il rischio:

  • Mantenere uno stile di vita sano
  • Controllare le condizioni mediche preesistenti
  • Evitare sostanze nocive e alcuni farmaci
aborto spontaneo

Esperienze di aborto spontaneo: come riconoscerlo

L’aborto spontaneo è un’esperienza dolorosa e, purtroppo, comune a molte donne nel loro cammino verso la maternità. Qualche giorno fa abbiamo ricevuto per posta una lettera di G.D, una paziente di Vida Fertility, che può gettare un po’ di luce su questo percorso.

“Sono qui per raccontare la mia esperienza di gravidanza.

Quattro o cinque anni fa volevo diventare madre, ma la maggior parte dei miei tentativi è fallita. Sono rimasta incinta tre volte in modo naturale, ma ho avuto aborti spontanei. Ho iniziato il mio viaggio con la riproduzione assistita, ho sentito parlare dei trattamenti di fecondazione assistita, delle loro percentuali di successo… così ho fatto delle ricerche.

In Spagna ci sono molte cliniche, così ho scelto la clinica Vida Fertility perché è nuova e ha un alto tasso di successo. Ho contattato Beatriz che mi ha messo in contatto con la Dott.ssa Spies. La maggior parte del personale infermieristico era amichevole e interessato a me, perché comunicava sempre con me e rispondeva a tutte le mie richieste. Con loro mi sono sentita al sicuro.

Grazie a Dio e grazie a Vida sono diventata madre per la prima volta. Un ringraziamento speciale alla Dott.ssa Spies e Beatriz per tutto”.

aborto spontaneo

Tecniche e studi di fertilità per ridurre gli aborto spontaneo

Trovare la causa degli aborti spontanei è la chiave per capire perché l’embrione non si sviluppa correttamente. Il dottor Spies elenca i diversi studi che possiamo realizzare presso Vida Fertility:

  • Studio genetico della coppia: è fondamentale analizzare i cariotipi dei genitori per individuare eventuali alterazioni cromosomiche, anche se queste spiegano solo il 3-5% dei casi di aborti ricorrenti. L’analisi genetica dei resti abortivi in caso di nuovo aborto spontaneo è importante, poiché in oltre il 75% dei casi la causa è uno sviluppo anomalo dell’embrione.
  • Studio ematologico: si esegue un’analisi speciale per identificare le alterazioni della coagulazione che possono essere la causa degli aborti spontanei. Malattie come la sindrome antifosfolipidica, che rappresenta il 10-15% dei casi, possono essere trattate con aspirina ed eparina.
  • Esame dell’utero: l’isteroscopia e l’ecografia ad alta risoluzione sono utilizzate per esplorare le malformazioni uterine, come i setti o il setto, che possono essere riparati. Si valutano anche miomi, polipi, infezioni o infiammazioni e incompetenza cervicale, che possono essere trattati chirurgicamente o con farmaci.
  • Disordini autoimmuni: si stanno studiando possibili disordini immunitari che potrebbero causare un fallimento dell’impianto, anche se attualmente non esiste una terapia immunitaria comprovata che aumenti le probabilità riproduttive in questi casi.
Dr. Spies

Vida Fertility | Clinica di fertilità a Madrid e Alicante

È normale provare tristezza e dolore. Cercare il sostegno di familiari, amici o professionisti della salute mentale è importante per il processo di guarigione.
A Vida Fertility ci impegniamo a fornirvi il supporto e le soluzioni di cui avete bisogno nel vostro viaggio verso la genitorialità. Che siate alla ricerca di risposte dopo un aborto spontaneo o vogliate esplorare le opzioni di trattamento della fertilità, siamo qui per aiutarvi.